Veltroni scioglie le riserve e abbraccia il Pd per "unire l'Italia"

Italia, 27/06/2007

E ha indicato quale sarà la "missione del Partito democratico"

TORINO (27 giugno 2007) - Il sindaco Walter Veltroni al Lingotto di Torino ha sciolto tutti i suoi dubbi, sarà lui a guidare il Partito democratico. Veltroni è arrivato al Lingotto quando mancava ancora cira un'ora e mezzo al suo discorso. Ad attenderlo il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, nella Sala Gialla, dove Walter Veltroni verso le 17 ha preso la parola: "Unire l'Italia e gli italiani. Questa è la missione del Partito Democratico", così ha detto il leader indicato del Pd. La sua candidatura sarà sottoscritta dalle primarie indette per il prossimo 14 ottobre che valgono anche per l'elezione dell'assemblea costituente. Dicendo di accettare la leadership del Partito democratico Walter Veltroni ha iniziato il suo discorso con un "ringrazio Romano Prodi per la creazione dell'Ulivo".

La forza riformista. Dal Palco del Linghotto poi Walter Veltroni ha toccato vari punti della politica italiana, a proposito della costituzione del Partito democratico ha detto: "Nasce una forza riformista che l'Italia non ha mai avuto". E sarà "il partito del nuovo millennio e della libertà, che sfiderà i conservatorismi di destra e di sinistra".

La nuova Italia.
Per Veltroni: "La nuova Italia nasce da quattro capitoli: ambiente, patto tra generazioni, formazione e sicurezza". E ha proseguito: "Superiamo gli odi e i rancori, le divisioni che ci frenano. La ripresa non è né di destra né di sinistra, dobbiamo tutti fare il possibile per rafforzarla".

Le pensioni, auguriamo un successo al governo
. Walter veltroni ha parlato anche delle pensioni e dello scalone due temi su cui oggi è incentrata l'azione di governo. "Non possiamo che augurare il successo dell'azione riformatrice del governo, chiamato ad ammorbidire lo scalone". Mentre il sindacato deve "Ideve saper tutelare i giovani che devono entrare nel mondo del lavoro".

Sulla politica internazionale. Walter Veltroni parlando alla platea del Lingotto di Torino ha definito la guerra in Iraq una "follia", aggiungendo poi che la pace è un valore che va sempre difeso.

Commenta l'articolo

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

×