L’elisir di lunga giovinezza esiste davvero e costa pochissimo: tutti ti daranno 10 anni in meno

Se stai cercando l’elisir della giovinezza, potresti aver trovato la risposta: ecco come tutti ti daranno 10 anni di meno.

Uno dei desideri della maggior parte delle persone sarebbe poter rimanere eternamente giovani, con l’aspetto che avevano durante il periodo dei loro 20 o 30 anni, in modo tale da non vedere comparire sul viso i segni del tempo.

Come realizzare un elisir di giovinezza
L’elisir della giovinezza esiste: come contrastare l’invecchiamento – 4minuti.it

Allo stesso modo, oltre al proprio aspetto, ciò che cambia notevolmente con l’avanzare dell’età è anche la salute fisica, visto che il corpo inizia a indebolirsi e si rischia di dover affrontare più problematiche. La maggior parte delle persone cerca di seguire diversi metodi e suggerimenti per riuscire a rimanere sempre giovane, e in particolar modo vi è una soluzione che potrebbe aiutare a combattere diverse criticità legate all’invecchiamento.

L’elisir della giovinezza: ecco di che cosa si tratta, parola dell’esperta

A parlare di questo miracoloso elisir di giovinezza è stata la nutrizionista Rosa Becerra-Soberon, la quale ha affermato che è sufficiente un ingrediente per andare a migliorare sotto diversi punti di vista e mantenere il proprio corpo sano e in forze. L’alimento che dovrebbe essere consumato, secondo l’esperta, sono le prugne secche. In base a quanto afferma, infatti, esse “sono una fonte di boro, che svolge un ruolo importante nella prevenzione dell’osteoporosi“.

I benefici delle prugne
L’unico ingrediente necessario per l’elisir sono le prugne: un ottimo alleato per la salute – 4minuti.it

A detta della nutrizionista, consumare una porzione di prugne secche, che corrisponde circa a 100 grammi di prodotto, andrebbe a soddisfare il fabbisogno giornaliero di boro, che varia dai 2 ai 3 mg per persona. Inoltre, una bevanda come il succo di prugna contiene anche la luteina e la zeaxantina, che sono delle sostanze che aiutano a proteggere l’occhio da una problematica come la macula. Queste, infatti, fanno bene alla regione centrale della retina e alla zona che cattura la luce.

L’esperta, proseguendo, si è soffermata su tutti i benefici che il frutto ha sulla salute delle donne. Secondo uno studio condotto su partecipanti entrate in menopausa, il consumo di succo di prugne ha portato a una riduzione del colesterolo lipoproteico a bassa densità, ossia quello cattivo, e anche a una riduzione dei livelli di ipertensione. Inoltre, i composti vegetali che si trovano al loro interno aiutano a prevenire diverse malattie croniche.

Infine, la nutrizionista non ha tralasciato quali sono le controindicazioni relative al consumo di prugne, affermando che “a causa dell’alto contenuto di potassio, le persone con malattia renale cronica, ad esempio, dovrebbero evitarlo”.

Impostazioni privacy