È la carne più costosa al mondo, ma a vederla non lo diresti: di cosa si tratta e prezzo folle

Hai mai assaggiato una bistecca così tenera e saporita che sembrava sciogliersi in bocca? Si tratta della carne più costosa al mondo.

Il gusto ricco e burroso della carne più costosa al mondo ha contribuito a renderla una delle prelibatezze più venerate in assoluto. Parliamo del manzo Wagyu stagionato a secco. Con la sua ricca marmorizzazione e l’alta qualità, è già una scelta di prim’ordine per gli amanti della bistecca, ma la frollatura a secco la porta al livello successivo.

Perché la carne di Wagyu è la più costosa
Perché la carne di Wagyu costa così tanto (4minuti.it)

La carne Wagyu deriva da bovini autoctoni asiatici e si tratta della prima razza giapponese. Il nome si traduce in “WA” che significa giapponese e “GYU” che significa mucca. Originariamente, venivano usati come animali da tiro per i campi agricoli ed erano venerati per la loro resistenza fisica. Di seguito, approfondiamo l’affascinante storia e la scienza dietro la carne Wagyu stagionata a secco.

I segreti della carne Wagyu: le caratteristiche della prelibatezza giapponese più costosa al mondo

La bistecca Wagyu si classifica come la più costosa al mondo: pur essendo simile a qualsiasi altro prodotto a base di carne bovina stagionata a secco, la differenza fondamentale è che è già un tipo di manzo di qualità eccezionalmente elevata, il che significa che l’invecchiamento a secco lo eleva a un livello molto più alto.

I segreti della carne di Wagyu: le caratteristiche della prelibatezza giapponese più costosa al mondo
Carne di Wagyu, cosa la rende così buona e costosa? (4minuti.it)

Le mucche da cui deriva sono conosciute soprattutto per la loro caratteristica distintiva altamente marmorizzata, che include gli strati visibili di grasso intramuscolare. A quest’ultimo viene assegnato un punteggio di marmorizzazione più alto, perché la genetica delle mucche fa sì che la carne contenga una percentuale più elevata di acidi grassi, inclusi omega-3 e omega-6, rispetto alla normale carne di manzo.

Il Wagyu di alta qualità può costare fino a 200 euro per mezzo kg. Il prezzo dei vitelli può aumentare fino a 40 volte rispetto a quello dei bovini statunitensi. Una volta allevati, possono essere venduti solo con un certificato di nascita che confermi la loro linea di sangue. I bovini nutriti con erba sono considerati più sani di quelli nutriti con cereali, sebbene alcuni allevatori di bovini Wagyu utilizzino ancora un mangime che è una combinazione di erba e grano.

Come riporta Business Insider, una mucca adulta può essere venduta fino a 30.000 dollari. Come molti alimenti di lusso, i prezzi altissimi sono dovuti in parte all’esclusività del prodotto, all’esperienza che offre ai clienti e alle spese sostenute dagli allevatori, come i prezzi di importazione del mangime concentrato necessario per espandere il giro vita dei loro bovini.

Prima della macellazione, una mucca allevata per la carne Wagyu è in grado di accumulare fino al 50% del suo peso in grasso grazie a una meticolosa routine di alimentazione, che può durare fino a due anni. Una volta cotta, il grasso marmorizzato si scioglie nelle fibre muscolari all’interno della bistecca tagliata, aiutandola a trattenere l’umidità e a rimanere succosa. Un altro vantaggio aggiuntivo? Sembra che il rapporto tra grassi monoinsaturi e grassi saturi sia più alto nel Wagyu rispetto ad altre carni rosse, rendendolo un’opzione attraente per chi ha vincoli dietetici.

Impostazioni privacy