Maltempo: neve sul Nord, pioggia e vento nel resto d'Italia. Almeno 6 morti

  • Le vittime schiacciate da alberi o travolte dalle acque. Treno deragliato, riattivata la Biella-Novara
  • I danni del maltempo
  • I danni del maltempo1
  • I danni del maltempo2
  • I danni del maltempo3
  • I danni del maltempo4
  • I danni del maltempo5

Reggio Emilia, Italia, 2016-02-29

Le vittime schiacciate da alberi o travolte dalle acque. Treno deragliato, riattivata la Biella-Novara

E' salito a sei morti il bilancio del maltempo che da ieri ha colpito la Penisola, ma soprattutto il centro sud, con piogge a tratti torrenziali e vento forte, che hanno abbattuto alberi e fatto esondare torrenti. Diversi i feriti. Molti gli interventi di soccorso. Innumerevoli i disagi e gli incidenti.

Un lastrone di neve che si è staccato dal tetto trascinando pietre ha ucciso una donna di 50 anni di Novara, a Limone Piemonte (Cuneo), dove il maltempo infuria da tre giorni. La donna è morta per la frattura del cranio. Era appena uscita da una casa di riposo dove prestava servizio per conto di una cooperativa. Inutile ogni tentativo di rianimarla.

In Val di Fassa una valangasi è abbattuta su una pista, sciatori sepolti ma recuperati vivi 
 

Vittime schiacciate da alberi o travolti dalle acque - Un agricoltore, Rocco Montorro, di 51 anni, è morto in provincia di Reggio Calabria schiacciato da un eucalipto di grandi dimensioni che, per il forte vento, si è abbattuto sulla sua automobile. La tragedia è avvenuta a Candinoni, nella piana di Gioia Tauro. Inutili i soccorsi: l'agricoltore, che stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro in campagna, è morto sul colpo. Non è escluso che sia legata al maltempo, ma non ci sono certezze, anche la morte di un uomo di 50 anni, annegato nel veronese dopo essere scivolato nel fiume Tione, mentre era in compagnia di alcuni amici. All'origine della disgrazia forse il terreno reso viscido dalla pioggia. Altre tre persone sono morte in serata. 

Due vittime, secondo le prime informazioni dei Vigili del fuoco, si sono registrate a Sessa Aurunca, in provincia di Caserta: un albero abbattuto dal vento ha colpito l'auto su cui viaggiavano. La terza vittima è una persona che è finita con l'auto in un torrente in piena a Sant' Angelo in Pontano, in provincia di Macerata. In Calabria, un albero, abbattuto dal forte vento, é finito su un bambino di otto anni provocandogli un grave trauma cranico e varie fratture. Vicino Roma, una donna con due figli di 7 e 14 anni si è salvata solo per il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco, dopo essere salita con i figli sul tetto dell' automobile per sfuggire all'acqua di un torrente che aveva invaso la strada.

E’ ripresa questa mattina con il primo collegamento della giornata, il regionale 4801, la circolazione ferroviaria sulla linea Biella-Novara. Il traffico era interrotto dalle 6.20 di ieri, a causa di una frana provocata dalla pioggia che aveva fatto deragliare un treno fra Cossato e Rovasenda. I tecnici di Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana sono intervenuti per rimuovere il treno, liberare la sede ferroviaria dai detriti e ripristinare le condizioni di sicurezza per la circolazione. Nel periodo dell’interruzione la mobilità è stata garantita da un servizio bus sostitutivo.

Il Piemonte è tra le regioni più colpite dal maltempo. Una bufera di neve (novanta centimetri al colle di Tenda, tra Italia e Francia, 70 al Colle della Maddalena, una ventina in pianura) ha investito il Cuneese creando disagi alla viabilità. In Valle Stura un tir di traverso lungo la carreggiata ha bloccato il traffico per oltre un'ora e sono stati una quarantina gli interventi compiuti dai vigili del fuoco. Numerosi gli alberi spezzati dal peso della neve e le auto fuoristrada, soprattutto nelle zone di Saluzzo e Bra. Neve anche sul resto del Piemonte, dalla Valle di Susa al nord della regione. 

Un minibus che stava rientrando a Torino, con 25 persone a bordo, è uscito di strada a causa della pioggia che ha reso viscido l'asfalto. L'incidente stamane verso le 5, sulla A21 all'altezza del Comune di Castello d'Annone, nell'Astigiano. I feriti, non gravi, sono stati trasportati negli ospedali di Alessandria, Asti e Novi Ligure. Sul posto sono intervenuti tre mezzi dei vigili del fuoco di Asti, la polizia stradale di San Michele e 118.

Al Sud non è solo la Calabria alle prese con il forte vento, che a Cosenza (dove oggi le scuole resteranno chiuse) ha raggiunto raffiche di 135 chilometri l'ora, a Reggio ha scoperchiato tetti, fatto cadere alberi e cartelloni pubblicitari e causato la chiusura al traffico del lungomare, e a Gioia Tauro ha provocato la chiusura del porto.

L'intensità con cui sta soffiando lo scirocco e il mare agitato hanno provocato l'interruzione di tutti i collegamenti marittimi tra Napoli, Capri e Ischia. Sono fermi sia i mezzi veloci, sia i traghetti. Solo un aliscafo è riuscito in mattinata ad assicurare alcuni collegamenti tra Capri (dove il vento ha divelto tettoie e abbattuto alberi) e Sorrento, mentre da Ischia una sola nave è riuscita a partire per Pozzuoli. 

Il Centro maree di Venezia ha registrato alle 4.15 di stamane una punta massima di marea di 104 cm sullo zero mareografico. A Chioggia, sotto la spinta della bora, soffiata a oltre 70 chilometri l'ora con raffiche a 80, alle 3.30 è stata registrata una punta massima di 117 cm. Si prevede per la prossima notte una punta massima di 95 centimetri per le 2.05. Un'alta marea di 104 centimetri, come quella di stamane, comporta l'allagamento di una superficie di circa l'8% della viabilità pedonale della città, con un livello variante da pochi millimetri a una media sui 25 centimetri in Piazza San Marco, l'area più bassa della città.

Al Centro e al Nord il maltempo non sembra intenzionato a mollare la presa, nuova allerta per giovedì.

 

Fotoservizio di apertura Davide Furlanis Foto

Commenta l'articolo

Video del giorno

Trump rivendica i missili: "Damasco ha violato le Convenzioni sull'uso delle armi chimiche"

Immagine del giorno

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guerra in Yemen, Msf denuncia atroce emergenza umanitaria

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica Il Giornale di Reggio Edizione del 05/08/2017
  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune SPECIALE VAL D'ENZA
Ricerca attivita

Il sondaggio

Warning: Variable passed to each() is not an array or object in /var/www/sarat1022/showx/showcore.inc.php(267) : eval()'d code on line 14
×