Concerto per l'Emilia, ecco le dichiarazioni dei cantanti che saranno al Dall'Ara

Zucchero: “Don't cry Emilia. Emilia don't cry. Ci vediamo là"

Reggio Emilia, Italia, 2012-06-19

Zucchero: “Don't cry Emilia. Emilia don't cry. Ci vediamo là"

Franco Gigante

A grandi passi ci avviciniamo al concertone per l'Emilia, promosso da Beppe Carletti dei Nomadi, che si terrà il 25 Giugno allo stadio Dall'Ara di Bologna. Ecco, di seguito, le dichiarazioni di alcuni dei principali artisti che hanno aderito all'iniziativa benefica. Motivazioni personali, molto sentite. Segnaliamo in particolare quella di Bersani, relativa alla destinazione dei soldi, e di Pausini, che conferma di essere presente il 22 settembre al concerto al Campovolo, convocato da Luciano Ligabue.  “Ho scritto il mio ultimo album “Chocabeck” e il mio libro “Il suono della domenica” con l’Emilia nel cuore, con la ”Bassa” nel cuore, e tutta la mia gente nel cuore. E ho portato le mie radici profonde in giro per il mondo. Sarò anch’io a Bologna allo stadio Dall’Ara il 25 di giugno. Don’t cry Emilia, Emilia don’t cry. Ci vediamo la”. Zucchero “Sugar” Fornaciari

“E se tutte le ticket company hanno rinunciato a percepire soldi dai diritti di vendita, un discorso simile varrà per la Siae perché tanti di noi sono cantautori. E cantando le nostre canzoni davanti a un pubblico pagante, non vorremmo si pensasse che i soldi dei diritti poi vengano a noi. Tutti i soldi andranno ai terremotati. Una precisazione d'obbligo. Samuele Bersani
 
“Penso che quello del 25 giugno allo stadio Dall'Ara di Bologna sia un grande evento senza precedenti. L'idea che tanti grandi artisti della stessa regione salgano insieme sul palco per aiutare ed abbracciare simbolicamente i tanti conterranei colpiti dal terremoto è una cosa veramente commovente ed emozionante! Voglio ringraziare ancora Beppe Carletti dei Nomadi che è stato il primo ad averci creduto e tutti gli artisti che hanno aderito. È un grande onore per me esserci, dare il mio contributo, anche se mi auguro che in futuro non ci sia più bisogno di eventi  simili e soprattutto che questa ferita possa guarire al più presto”. Luca Carboni
 
“Le scosse del terremoto, non sono solo fisiche. La paura ti si piazza dentro e resti in balia degli eventi. Non c’è nessuno che possa rassicurarti. Si guarda allo storico, si cerca di fare un quadro ma alla fine diranno sempre che si tratta di un’anomalia e che non si può prevedere un bel niente.
Ci si sente piccolissimi. Tutto diventa precario. Ma soprattutto si soffre l’impotenza di proteggere i propri cari. Quello del ’96 fu grosso (naturalmente non come questo) e aveva avuto come epicentro proprio Correggio e Novellara. Fece alla mia cittadina più danni di questo. Eppure il trauma è più forte stavolta. La maggior parte di noi continua a dormire all’aperto. Diversi altri hanno fatto le valigie e se ne sono andati lontani non si sa per quanto. Ed è chiaro che tutto questo è niente rispetto a ciò che è successo a pochi chilometri da qui. Avete visto tutti in tv, sul web, sui giornali. C’è poco da aggiungere a quelle immagini. Mi auguro che la protezione civile, lo Stato e le istituzioni stiano vicini alle persone più colpite, anche in un momento di crisi profonda come questo. Nessuno si deve sentire solo né abbandonato. Cercherò di fare qualcosa pure io anche se, come immaginerete, in questi giorni non è proprio facile. Grazie a tutti quelli di voi che hanno fatto sentire la propria solidarietà ma ancora di più a quelli che aiuteranno anche solo con un piccolo pensiero”. Luciano Ligabue
 
“Non posso mancare. Apprezzo l’idea di Beppe Carletti di radunare tanti artisti emiliano-romagnoli per un grande evento a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Sarà una serata di musica che nasce dal cuore. E non sarà soltanto una raccolta fondi, comunque già molto importante, ma un gesto concreto di affetto verso i nostri corregionali che stanno soffrendo tanto. Sono felice, orgoglioso ed onorato di partecipare”. Gianni Morandi
 
“Confermo la mia presenza sul Palco di “Concerto per l’Emilia” il 25 giugno e a Campovolo il 22 settembre, concerti che vengono dedicati all’Emilia Romagna. Non potevo non esserci. Cantare è ciò che amo fare e dalla mia terra ho preso il coraggio, lo spirito di avventura e di sacrificio, l’energia, la condivisione e la dignità. Personalmente è un onore , un diritto e un dovere come donna, come cantante, come cittadina italiana e quindi come emiliano romagnola mettermi al servizio della causa attraverso la musica. Questi concerti servono soprattutto ad aiutare ma possono essere anche una forma unica di intrattenimento. Invito quindi i miei fan a partecipare ed io faro’ il possibile per presentarmi in un modo speciale attraverso collaborazioni inedite che spero di poter realizzare. Mi affido ai miei colleghi che stanno organizzando e che hanno la responsabilità di donare perchè sono certa che potranno garantire la professionalità e la trasparenza dei progetti per aiutare la mia regione. Io ci sono. Aspetto solo voi.”. Laura Pausini
 
“Per noi Stadio è naturale essere al concerto a sostegno dell'Emilia. La nostra storia, la nostra vita è l'Emilia!!.. Non appena Beppe Carletti dei Nomadi mi ha chiesto la disponibilità della band, gli ho risposto che gli Stadio non sarebbero mancati. Saliremo sul palco con l'idea di fare qualcosa di buono, saremo a casa nostra, per cui stiamo pensando anche di fare qualcosa di davvero speciale per chi verrà allo stadio Dall'Ara a sostenere il Concerto per l'Emilia”. Gaetano Curreri degli Stadio

Commenta l'articolo

Video del giorno

Gli Attimi di terrore dell'attacco a Nizza

Immagine del giorno

Disabile picchiato: aggressore indagato E' un sassarese di 27 anni che conosceva la vittima di Olbia

Disabile picchiato: aggressore indagato E' un sassarese di 27 anni che conosceva la vittima di Olbia

Guida ai comuni

Area download

  • Scarica Il Giornale di Reggio Edizione del 20/08/2016
  • Scarica la guida Aggiornamento Settimanale
  • Il nostro comune RUBIERA
Ricerca attivita

Il sondaggio

Parigi sotto attacco. Dopo gli attentanti di Parigi è giusta la decisione francese di bombardare Raqqa?

×