accessi quotidiani
abbonati alla newsletter
SCARICA GRATIS IL GIORNALE DI REGGIO
IL NOSTRO COMUNE:
CORREGGIO
SCARICA LA GUIDA "IL NOSTRO COMUNE"
400 EDIZIONI
ANNUALI
AGGIORNATE
spettacoli
Ermanno Foroni: un viaggio fra i minatori con lo sguardo stupito

REGGIO EMILIA (1 maggio 2012) - Lo stupore di chi assiste per la prima volta a una realtà diversa, agli antipodi dalla nostra, estrema e difficile, come quella dei minatori brasiliani, riuscendo a racchiudere in uno scatto la storia del fotogiornalismo internazionale. Questo si coglie in Ermanno Foroni, tra i futuri protagonisti di Fotografia Europea, dopo esserlo stato in passato, al centro della mostra sui Garimpeiros nelle miniere del Brasile, in Sierra Pelada, che si inaugurerà alle 21 di martedì 8 maggio al museo dei Cappuccini di Reggio. Era il 1986 quando Foroni partì per il Brasile alla ricerca dei minatori della Sierra Pelada. Il suo bianco e nero parte da Paul Strand, per passare a Robert Capa e Adre Ketesz, si ispira a Tina Modotti per arrivare ai grandi del National Geographic, mentre l'amore per la semplicità e il quotodiano lo avvicinano a Ghirri; ma come tutti i bravi fotografi, ne cogli la sua personalità e unicità.
Ecco cosa dice di lui il critico Massimo Mussini, alla luce della nuova, imminente esposizione. “Se Dante avesse potuto vedere queste immagini, ne avrebbe tratto spunto per la descrizione del suo Inferno, anch’esso strutturato in forma di imbuto come la miniera a cielo aperto di Sierra Pelada, brulicante di figurine, che altre fotografie di questa serie rivelano nella loro entità di esseri umani.  Ermanno Foroni ha scoperto l’esistenza di Sierra Pelada nel novembre 1986. Vi è rimasto per una settimana. Foroni non ne conosceva le immagini e pertanto ha potuto guardare tale realtà con occhi privi di condizionamenti e in modo meno smaliziato di un professionista della documentazione sociale. Per questa ragione il suo approccio all’ambiente non appare mediato dalla necessità di costruire un discorso ideologico, ma si rivela indirizzato a prendere atto con stupore di una realtà impensata e a registrarne le impressioni ricevute. A differenza di Salgado, Foroni si è calato all’interno della realtà quotidiana della miniera, dove è giunto senza alcun supporto logistico e ne ha sperimentato direttamente la durezza di vita, alloggiando nella capanna di un anziano minatore, da cui ha ricevuto la protezione necessaria per potersi muovere indenne fra i garimpeiros. Tale approccio gli ha consentito di non guardare i protagonisti con distacco, ma di coglierne la loro dignità di esseri umani, diversi da lui soltanto per la situazione esistenziale nella quale si sono trovati a vivere. Lo evidenziano le prime immagini della serie, apparentemente “neutre”, perché mostrano il loro giungere sul luogo di lavoro. Sono le successive a divenire “intense” per contrasto, perché ci rivelano come, da una condizione umana, i minatori passino rapidamente a quella subumana, abbrutiti dalla fatica e ricoperti dal fango che trasportano in sacchi sulle spalle. Si passa in tal modo, senza mediazioni, a verificare come siano costretti a procacciarsi da vivere con un lavoro da antichi schiavi e in condizioni prive di ogni sicurezza.
Le immagini di Foroni si appuntano su questi aspetti, che sono i più tangibili agli occhi di una persona abituata a condizioni di lavoro differenti e passano continuamente da campi lunghi in cui, come formiche file di uomini si arrampicano lungo la china e su scale malferme, a primi piani che mostrano quelle formiche ritornate persone.
Non vi è pietismo in questi ritratti, né sensazionalismo, ma soltanto attenzione a una realtà che la parola da sola non sarebbe in grado di fare comprendere”. 

(la. f.)

Commenta articolo:

 Svuota la cassa al negozio di alimentari e poi se li beve al bar: marocchino arrestato
provincia - [21.4.2014]

BAISO (21 APRILE 2014) - Voleva forse far girare l’economia il ladro arrestato dai Carabinieri a Baiso che l’hanno fermato all’interno di un bar dopo che aveva acquistato una birra pagandola con i soldi rubati poco prima dall’interno della cassa di un negozio alimentari del paese.

Catramatura sbagliata: a fuoco tetto in viale Montegrappa
citta - [21.4.2014]

REGGIO EMILIA (21 APRILE 2014) - Un incendio si è sviluppato nel primo pomeriggio di oggi sulla copertura di un edificio di viale Montegrappa, al numero 18, producendo seri danni al tetto e problemi al traffico su quel tratto di circonvallazione, occupato dai mezzi dei vigili del fuoco accorsi per domare le fiamme.

Fermati nell'auto "imbottita" di droga: arrestati dai carabinieri
provincia - [21.4.2014]

SAN MARTINO IN RIO (21 APRILE 2014) - Due giovani incensurati sono stati arrestati a San Martino in Rio perché sono stati trovati in possesso di mezzo etto di hascisc. I due, uno di 23 e l'altro di 25 anni, stavano passando con la loro auto lungo via Rubiera quando sono stati fermati per un normale controllo. 

“Lei è troppo povera, niente riduzione mensa per il bimbo”
citta - [21.4.2014]

REGGIO EMILIA (21 APRILE 2014) - Madre sola, con due figli di 7 e 11 anni, con un lavoro stagionale, col padre dei bimbi disoccupato e per di più trattata a pesci in faccia dal Comune, che le ha negato la riduzione mensa per il bimbo piccolo e quindi l’ha minacciata di segnalazione alla Guardia di Finanza per la sua dichiarazione Isee.

Tutto sui rapporti tra maschietti: sconcerto per manuale di sesso gay distribuito agli studenti
citta - [21.4.2014]

REGGIO EMILIA (21 APRILE 2014) – Un opuscolo di igiene sessuale gay è stato distribuito con una simpatica operazione di guerriglia omossessuale tra gli studenti, anche minorenni, dell’istituto Cattaneo-Dall’Aglio di Castelnovo Monti, al termine di una lezione sull’omofobia tenuta nei giorni scorsi a cura di Arcigay di Bologna.

SCARICA LA GUIDA
"NOI CITTADINI"
aggiornamento settimanale
Registro Aziende Sostenitrici
ricerca aziende
 
TV IN DIRETTA (SELEZIONA CANALE)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Per effettuare una ricerca si può inserire una qualunque combinazione di termini o una data specifica.
Ricerca libera  Ricerca per data
Adriano Olivetti, Steve Jobs italiano: nel 1964 produsse il primo computer

Adriano Olivetti, Steve Jobs italiano: nel 1964 produsse il primo computer
di Andrea Pamparana

L’APPUNTAMENTO è fissato per le 10 di un freddo mattino di gennaio. Giovanni mi aspetta nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Ivrea. Il treno regionale partito da Torino Porta Nuova alle 8,25, arrivo previsto alle 9,31, è in ritardo di circa un quarto d’ora

La cura del rigore non può ammazzare il malato

La cura del rigore non può ammazzare il malato
di Tiziano Motti

 Subito liquidità dall’Europa per salvare il sistema della imprese, piano a vasto raggio per il lavoro, impiego immediato di tutti i fondi strutturali disponibili, grandi infrastrutture in project financing, varo degli Eurobond per ridurre gli interessi sul debito degli Stati.

Solidarietà a imprenditori e operai suicidi
Magdi Cristiano Allam

Lancio la proposta di promuovere una giornata nazionale di lutto e solidarietà...

Giustizia per il popolo greco
Magdi Cristiano Allam

Nessuna pietà per i greci! I loro governanti sono stati degli imbroglioni...

La dittatura mediatica
Magdi Cristiano Allam

La dittatura finanziaria non potrebbe sussistere senza la dittatura mediatica...

Un confessionale itinerante per "inseguire" i fedeli

Un confessionale itinerante per "inseguire" i fedeli

Per avvicinare i fedeli in Polonia è nato il primo confessionale mobile, un furgone allestito che ha ottenuto il nulla osta del vescovo Edward Dajczak della diocesi di Koszalin

A Berlino il primo ristorante per cani e gatti

A Berlino il primo ristorante per cani e gatti

Anche Fido, ora, ha il suo ristorante. Ha aperto infatti in pieno centro a Berlino il primo ristorante completamente dedicato agli amici a quattro zampe

Arriva lo slip anti-puzzette

Arriva lo slip anti-puzzette

La soluzione per chi soffre di meteorismo arriva da un'azienda britannica specializzata in articoli medici che ha lanciato sul mercato un nuovo modello di biancheria intima