Sisma. Correggio, basta accamparsi nei parchi pubblici

Il Comune scrive ai cittadini: "Da lunedì scatterà il divieto di piazzare tende"

Reggio Emilia, Italia, 13/06/2012

Il Comune scrive ai cittadini: "Da lunedì scatterà il divieto di piazzare tende"

CORREGGIO (13 giugno 2012) - Le tende e i campeggi che da diversi giorni, in seguito alle scosse di terremoto, sono stati installati da privati cittadini nei vari spazi verdi pubblici di Correggio saranno ammessi fino a domenica: a partire dal lunedì successivo il Comune procederà con l’applicazione del regolamento che prevede il divieto di campeggio sull’intero territorio comunale.
È quanto è stato deciso dalla giunta correggese che con apposita lettera ai cittadini intende dar seguito alle segnalazioni di incuria e di problemi igienici giunte in questi giorni.
«Le scosse di terremoto che ormai da giorni si susseguono con insistenza in Emilia, alcune delle quali avvertite con intensità anche a Correggio, hanno esposto noi tutti alla paura e all’ansia - si legge nella lettera - e hanno indotto molte persone a scegliere di dormire in auto o in tenda nelle varie aree verdi pubbliche. In considerazione di quanto accaduto, per venire incontro alla richiesta di tranquillità delle persone, il Comune di Correggio ha derogato dal proprio regolamento di polizia urbana, che vieta il campeggio sull’intero territorio comunale. Ora, questa comprensibile situazione, a distanza di tempo, non può essere ulteriormente ammessa, per ragioni di igiene pubblica e di sicurezza, non essendo i parchi aree attrezzate al campeggio. Se nel frattempo la situazione dovesse modificarsi o aggravarsi, saranno individuate risposte e soluzioni più idonee».

Commenta l'articolo

Primo piano

Video del giorno

diMartedì - Crozza: "Carminati personaggio di fantasia, fino a 10 giorni fa non l'aveva visto nessuno"

Immagine del giorno

La diva è mancata nella sua casa di Hollywood

Addio a Shirley Temple

Guida ai comuni

Area download

Ricerca attivita

Il sondaggio

Il semestre di presidenza italiana al Parlamento Europeo porterà benefici all'Italia?

×