Enigmi e soluzioni nel gioco della Metafisica di Lucio Del Pezzo

Si apre domani alla galleria 2000&Novecento la mostra del napoletano

Reggio Emilia, Italia, 15/03/2012

Si apre domani alla galleria 2000&Novecento la mostra del napoletano

REGGIO EMILIA (16 marzo 2012) - E’ ovvio che nella memoria di Del Pezzo ci sia sempre il ricordo bruciante di Napoli, sua città natale e, con l’anarchia del rigattiere, raccoglie tutti i simboli e gli oggetti che nel suo lavoro diventano accumulazioni “dada” per mettere in atto l’esorcismo del rifiuto, e un peàna della gioia di vivere. In questo ultimo ciclo di lavori si intravvede però il segno-segnale di un nuovo ordine (si vedano opere come: Russia, Casellario 24 elementi, Ryoanij, Umebachi, Studio e Scala). Gli oggetti-forma, dai colori solari, mediterranei, dipinti talora con tecnica Pop-art, si collocano dentro casellari, grate, scale, in un ordine euclideo, o platonico, dove le immagini ci appaiono al centro di un campo intatto, in uno spazio senza aria, come esempi di una ricerca in-vitro, ma legato al fantastico e al gioco dell’infanzia.
In opere posteriori come Paesaggio del 1990, Lucio Del Pezzo tenta il difficile lavoro di sgomberare l’occhio da cose inutili, ci mette davanti a un mondo di sensazioni sdrammatizzate, di spazi luminosi e rigorosi, di oggetti-simboli ridotti al rango di idea pura, vuole abituare l’occhio alla sostanza precisa delle sue enigmatiche cose, un palcoscenico (con una sua finta prospettiva) dove gli attori-icone recitano un'unica frase per tutto lo spettacolo. Inaugurazione domani alle 18. Orari: 10–12,30/16–19,30. Un ringraziamento speciale alla galleria La Scaletta di San Polo.

Commenta l'articolo

Primo piano

Video del giorno

I biofurbi: Cosmetici - Report 14/12/2014

Immagine del giorno

La diva è mancata nella sua casa di Hollywood

Addio a Shirley Temple

Guida ai comuni

Area download

Ricerca attivita

Il sondaggio

Il semestre di presidenza italiana al Parlamento Europeo porterà benefici all'Italia?

×